Recensioni di CBD liquido viscido: aiuta davvero a perdere peso?

Recensioni di CBD liquido viscido

Stai cercando recensioni di Slimy Liquid CBD? Continua a leggere per saperne di più. Se sei interessato all'assistenza sanitaria olistica, allora potresti già conoscere i farmaci a base di CBD e i loro benefici fisici e mentali. Al giorno d'oggi, sempre più persone stanno passando dai farmaci convenzionali alle alternative infuse di CBD. 

Ha diversi incredibili benefici per la tua salute, soprattutto se stai cercando di perdere peso e ottenere un tono della pelle uniforme. Tuttavia, poiché i prodotti a base di CBD stanno diventando popolari, sul mercato sono ora disponibili numerose opzioni tra cui scegliere.

Questo rende abbastanza difficile scegliere quello che si adatta al conto per te. Oggi parleremo di uno dei prodotti a base di CBD più popolari in circolazione: le gocce Slimy Liquid CBD. Il prodotto è pubblicizzato molto per la sua facilitazione di la perdita di peso

Diamo un'occhiata a in cosa consistono queste gocce di CBD e come possono aiutarti a raggiungere la forma del corpo desiderata. Discuteremo anche di alcune cose importanti come i suoi benefici, gli effetti collaterali e altro ancora. Quindi, assicurati di continuare a leggere! 

Che cosa sono le gocce di CBD liquide viscide?

Recensioni di CBD liquido viscido
  • Alleviare dolori e dolori
  • Diminuzione dell'infiammazione
  • Migliorata qualità del sonno
  • Migliore umore e salute delle articolazioni
  • Livelli di zucchero più bassi Meno stress

Le gocce Slimy Liquid CBD sono materiali di consumo a base di cannabis progettati per aiutarti a perdere peso in modo rapido ed efficace. I risultati sono permanenti, grazie ai vari ingredienti naturali disponibili in esso. 

È dotato di una composizione unica che promuove alcuni processi nel tuo corpo necessari per la perdita di peso, come ridurre l'appetito e sopprimere le tue voglie. Funziona anche per ottimizzare la capacità di bruciare i grassi del tuo corpo. 

Le gocce aumentano anche il consumo energetico del tuo corpo, motivo per cui il prodotto è considerato una soluzione altamente versatile per un'efficace perdita di peso. Oltre alla perdita di peso, ci sono anche diversi effetti positivi di queste gocce di CBD sul tuo benessere generale. 

Inoltre, a differenza di altri prodotti dimagranti, Slimy Liquid CBD è disponibile sotto forma di goccioline che aumentano i livelli del tuo metabolismo quando viene consumato. Tieni presente che non funziona come sostituto del pasto e puoi continuare a seguire la tua dieta regolare. 

Componenti di gocce di CBD liquide viscide

Le gocce di CBD Slimy sono costituite principalmente da estratti di cannabidiolo ed estratti di canapa noti per la costruzione di lipidi neuromodulatori ECS per promuovere un migliore funzionamento dei processi cardiovascolari, nervosi e del sistema immunitario. 

Si compone anche di molti altri ingredienti che facilitano la perdita di peso come: 

Estratto di eucalipto

Ogni singola goccia delle nostre gocce di CBD liquido viscido contiene il composto naturale Estratto di eucalipto, che viene utilizzato principalmente per aiutare a ridurre l'infiammazione nel corpo.

L'eucalipto è un potente antinfiammatorio che agisce per curare il tuo corpo e aiutarti a riprenderti dalle ferite. Ha anche incredibili proprietà di rafforzamento muscolare che possono aiutarti a costruire muscoli più forti e ridurre i dolori articolari.

Olio di chiodi di garofano

L'olio di chiodi di garofano è un prodotto naturale che è stato usato per secoli per curare i disturbi e il dolore della pelle. Il principale ingrediente attivo nell'olio di chiodi di garofano è l'eugenolo, che ha proprietà antinfiammatorie e antibatteriche. 

L'eugenolo aiuta anche a combattere le infezioni, quindi è una scelta eccellente per le persone con tosse o raffreddore. Può anche aiutarti a perdere peso migliorando il tasso metabolico e aumentando i livelli di energia.

Estratto di zenzero

L'estratto di zenzero è ricco di antiossidanti e ha proprietà antibatteriche. Migliora il tuo sistema immunitario, ottimo per chi fa molta attività fisica o per chi ha la tendenza ad ammalarsi. Può anche essere usato per trattare condizioni dolorose, inclusi dolori articolari, dolori muscolari e mal di testa.

Olio di cocco

L'olio di cocco è un rimedio naturale per l'emicrania. Può anche essere usato per trattare dolori e infiammazioni delle articolazioni e migliorare la salute generale del corpo. Contiene anche acido laurico e acido caprilico. 

Questi acidi sono in grado di ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione nel corpo. Questo componente ha anche proprietà antibatteriche che aiutano a combattere le infezioni nel corpo. Può anche aiutare a migliorare le condizioni della pelle riducendo rughe e imperfezioni.

Chi dovrebbe consumare gocce di CBD liquide viscide?

Recensioni di CBD liquido viscido

Se stai cercando un modo per migliorare la tua forma fisica e il tuo benessere mentale, allora potresti provare le gocce di Slimy Liquid CBD. Le gocce di Slimy Liquid CBD sono pensate per essere consumate da adulti di età superiore ai 18 anni. 

Aiuteranno a costruire una base migliore per la tua salute, aiutandoti a sentirti bene e a vivere una vita più felice. Se sei minorenne, non provarli! Il prodotto è progettato per farti sentire benissimo e non funzionerà se lo prendi senza avere più di 18 anni!

Le persone che hanno uno stile di vita doloroso sono il pubblico ideale per questo prodotto perché sono alla ricerca di qualcosa che possa ridurre il dolore e l'infiammazione. Questo può farli sentire più a loro agio nella vita di tutti i giorni, in modo che possano tornare in pista con i loro obiettivi di salute.

Vantaggi delle gocce di CBD liquido viscido

Ecco un elenco dei vari vantaggi offerti dalle gocce di CBD Slimy Liquid: 

Eccessiva riduzione del grasso

Le gocce di CBD Slimy Liquid sono incredibilmente efficaci per ridurre il grasso in eccesso. Questo prodotto è realizzato con una miscela unica di ingredienti che aiutano ad aumentare il metabolismo e sostenere la perdita di peso aiutando a bruciare i grassi più rapidamente. 

Le gocce di CBD Slimy Liquid contengono anche ingredienti che hanno dimostrato di aiutare a mantenere i livelli di energia durante il giorno, così puoi sentirti pieno di energia senza essere stanco. 

Infine, le gocce di CBD Slimy Liquid contengono cannabidiolo (CBD), che è uno degli ingredienti più noti nella cannabis e ha dimostrato di ridurre l'infiammazione e il dolore causati da malattie come la fibromialgia o l'artrite.

Miglioramento della trama

Se stai cercando un modo per migliorare la consistenza del tuo corpo, le gocce di CBD Slimy Liquid sono la risposta. Queste gocce sono realizzate utilizzando una combinazione di canapa e diversi tipi di oli, che vengono poi infusi con CBD. 

Queste gocce sono progettate per ridurre l'infiammazione e aiutare la pelle a trattenere l'umidità, rendendola più morbida ed elastica. Possono aiutare a ridurre l'infiammazione, aumentare la circolazione e promuovere la crescita del collagene nella pelle.

Miglioramento del tono del corpo

Le gocce di CBD liquido viscido sono progettate per aiutarti a ottenere un fisico più snello e tonico. Tuttavia, è importante notare che queste gocce di CBD liquide viscide funzionano solo se combinate con esercizio fisico e dieta.

Alcune persone potrebbero sperimentare alcuni effetti collaterali minori dall'uso delle gocce di CBD liquide viscide come secchezza delle fauci o stordimento, ma questi sono generalmente temporanei e dovrebbero scomparire dopo aver preso una pausa dall'uso del prodotto.

Se usate correttamente, le gocce di CBD Slimy Liquid possono aiutarti a ottenere un girovita più snello e un tono muscolare migliore in molto meno tempo. 

Riduzione dello stress

L'olio di CBD è un integratore naturale che può aiutare a ridurre lo stress, l'ansia e la depressione nelle persone che hanno difficoltà a dormire. Se stai cercando un'alternativa ai farmaci da prescrizione per il trattamento del tuo disturbo del sonno, l'uso di queste gocce di CBD è un'ottima scelta.

Il principale vantaggio dell'uso delle gocce di CBD è che non contengono THC, il che significa che non ti faranno sballare o ti faranno sentire intontito dopo averle assunte. Questo li rende ideali per le persone che vogliono usare il CBD senza avvertire effetti collaterali (che possono includere nausea o vomito).

Anche queste gocce di CBD funzionano rapidamente, quindi possono essere utilizzate non appena arrivano alla tua porta. Puoi facilmente metterne uno o due in bocca durante il giorno e lasciare che facciano il loro lavoro mentre ti concentri su altre cose.

Effetti collaterali minimi

Le gocce di CBD Slimy Liquid sono un'ottima opzione per chiunque cerchi una soluzione naturale e non psicoattiva per la gestione del dolore e la perdita di peso.

Sono infusi con CBD, il che significa che non ha effetti psicoattivi. Questo lo rende ideale per i pazienti che soffrono di ansia, depressione o altre condizioni che possono farli sentire ansiosi o depressi.

Il liquido viscido è anche facile per lo stomaco, non ha ingredienti artificiali. Ciò rende le gocce di CBD Slimy Liquid una scelta eccellente per le persone che hanno problemi a dormire perché possono assumerle durante il giorno senza effetti collaterali.

Come usare correttamente le gocce di CBD liquido viscido?

Ci sono alcuni passaggi di base che devi seguire per ottenere risultati solidi da Slimy Liquid CBD Drops. 

Innanzitutto, ti consigliamo di assicurarti che questo prodotto si adatti al tuo stile di vita. Dovresti usare l'olio solo come indicato dal tuo tipo di corpo. Non c'è alcun motivo convincente per aumentare la toelettatura sul tuo corpo. Prova a usare 5-6 gocce di olio all'inizio e poi aumenta da lì secondo necessità.

In secondo luogo, dovrai tenere l'olio sotto la lingua per circa 30 secondi prima di ingoiarlo in modo che abbia abbastanza tempo per ricoprire la gola e il rivestimento dello stomaco con acidi grassi e altri composti che aiuteranno a supportare la digestione e l'assorbimento.

Terzo, se possibile, prova a prenderlo con i pasti o gli spuntini in modo che entri nel flusso sanguigno più velocemente e abbia più tempo per fare il suo lavoro!

Dosaggio consigliato per gocce di CBD liquide viscide

Le gocce di CBD Slimy Liquid possono essere assunte così come sono o con il cibo. Ecco alcune cose da tenere a mente:

  • Assumere 20 gocce al giorno. Il modo migliore per assumere queste gocce è metterle sotto la lingua, quindi attendere 60 secondi prima di ingerirle.
  • Non diluire il liquido: va assunto esclusivamente per il massimo effetto.
  • Non assumere più di due capsule alla volta, poiché gli effetti potrebbero non durare abbastanza a lungo da giustificare l'esagerazione!

Quanto costa la goccia di CBD liquido viscido?

Il prezzo delle tinture di CBD è soggetto a modifiche e il costo può variare notevolmente a seconda del prodotto e della quantità acquistata.

Ti aiutiamo a trovare l'offerta migliore sulle gocce di CBD liquide viscide offrendo una varietà di opzioni per l'acquisto dei tuoi prodotti CBD. 

La domanda per questo tipo di prodotto è enorme, quindi non sorprende che quando qualcosa diventa popolare e la gente lo vuole, il prezzo sale.

Ci sono effetti collaterali delle gocce di CBD liquido viscido?

Se stai pensando di usare il CBD, probabilmente hai sentito la stessa cosa più e più volte: "Non crea dipendenza". Ma può avere effetti collaterali? La risposta è si! Ma la buona notizia è che la tintura di CBD liquido viscoso non causa problemi seri.

Come con qualsiasi farmaco, ci sono alcuni possibili effetti collaterali dell'uso del CBD, ma di solito sono minori e gestibili se ti prendi cura di te stesso. Ad esempio, alcune persone sperimentano secchezza delle fauci o un cambiamento nelle sensazioni gustative quando usano questo prodotto. Altri possono provare mal di testa o affaticamento. Sono possibili anche reazioni allergiche, ma sono rare.

Prima di ordinare, si consiglia di consultare il proprio medico su come utilizzare questo prodotto in modo sicuro per ottenere i migliori risultati.

Dove acquistare gocce di CBD liquide viscide?

Se stai ancora pensando a dove acquistare questo integratore, abbiamo due opzioni per te. Innanzitutto, puoi provare a trovare il sito Web ufficiale da solo. Oppure, se è troppo lavoro, fai clic sul collegamento in questa pagina per accedere rapidamente al supplemento più venduto. 

Ti invierà direttamente alla pagina del prodotto in modo da poter vedere quali offerte esclusive sono accessibili.

Le parole finali

La conclusione è che se stai cercando di perdere peso, le gocce di CBD Slimy Liquid potrebbero essere un'aggiunta utile al tuo viaggio.

Il fattore convenienza da solo vale la pena provarlo, soprattutto perché non ci sono effetti collaterali negativi associati al suo utilizzo. Provalo tu stesso e vedi se può aiutare a dare il via al tuo viaggio di perdita di peso.

,
1. Berman, P., Futoran, K., Lewitus, GM, Mukha, D., Benami, M., Shlomi, T., et al. (2018). Un nuovo approccio ESI-LC/MS per il profilo metabolico completo dei fitocannabinoidi nella cannabis. Sci. Rep. 8:14280. doi: 10.1038/s41598-018-32651-4
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

2. Bolognini, D., Rock, E., Cluny, N., Cascio, M., Limebeer, C., Duncan, M., et al. (2013). L'acido cannabidiolico previene il vomito nel Suncus murinus e il comportamento indotto dalla nausea nei ratti migliorando l'attivazione del recettore 5-HT1A. fr. J. Pharmacol. 168, 1456–1470. doi: 10.1111/bph.12043
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

3. Bosy, TZ e Cole, KA (2000). Consumo e quantificazione del Δ9-tetraidrocannabinolo nei prodotti a base di olio di semi di canapa disponibili in commercio. J. anale. Tossico. 24, 562–566. doi: 10.1093/jat/24.7.562
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

4. Callaway, JC (2004). I semi di canapa come risorsa nutritiva: una panoramica. Euphytica 140, 65–72. doi: 10.1007/s10681-004-4811-6
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

5. Callaway, JC, Weeks, RA, Raymon, LP, Walls, HC e Hearn, WL (1997). Un'analisi delle urine positiva per l'olio di semi di canapa (Cannabis). J. anale. Tossico. 21, 319–320. doi: 10.1093/jat/21.4.319
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

6. Calvi, L., Pentimalli, D., Panseri, S., Giupponi, L., Gelmini, F., Beretta, G., et al. (2018). Valutazione completa della qualità della Cannabis sativa medica L. Infiorescenza e oli macerati a base di HS-SPME accoppiato all'approccio GC–MS e LC-HRMS (q-exactive orbitrap®). J.Phar. Biomed. Anale. 150, 208–219. doi: 10.1016/j.jpba.2017.11.073
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

7. Citti, C., Battisti, UM, Braghiroli, D., Ciccarella, G., Schmid, M., Vandelli, MA, et al. (2018a). Un approccio metabolomico applicato a una cromatografia liquida accoppiata a un metodo di spettrometria di massa tandem ad alta risoluzione (HPLC-ESI-HRMS/MS): verso la valutazione completa della composizione chimica degli estratti medicinali di cannabis. Fitochim. Anale. 29, 144–155. doi: 10.1002/pca.2722
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

8. Citti, C., Braghiroli, D., Vandelli, MA, e Cannazza, G. (2018b). Analisi farmaceutica e biomedica dei cannabinoidi: una revisione critica. J. Pharm. Biomed. Anale. 147, 565–579. doi: 10.1016/j.jpba.2017.06.003
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

9. Citti, C., Pacchetti, B., Vandelli, MA, Forni, F., e Cannazza, G. (2018c). Analisi dei cannabinoidi nell'olio di semi di canapa commerciale e studi sulla cinetica della decarbossilazione dell'acido cannabidiolico (CBDA). J. Pharm. Biomed. Anale. 149, 532–540. doi: 10.1016/j.jpba.2017.11.044
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

10. Citti, C., Palazzoli, F., Licata, M., Vilella, A., Leo, G., Zoli, M., et al. (2018d). Metabolomica non mirata del cervello di ratto dopo somministrazione orale di una singola dose elevata di cannabidiolo. J. Pharm. Biomed. Anale. 161, 1–11. doi: 10.1016/j.jpba.2018.08.021
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

11. Citti, C., Battisti, UM, Ciccarella, G., Maiorano, V., Gigli, G., Abbate, S., et al. (2016a). Enantioseparazione analitica e preparativa e principali proprietà chirottiche dell'Iridium(III) bis(4,6-difluorophenylpyridinato)picolinato. J. Cromatogr. A 1467, 335–346. doi: 10.1016/j.chroma.2016.05.059
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

12. Citti, C., Ciccarella, G., Braghiroli, D., Parenti, C., Vandelli, MA, e Cannazza, G. (2016b). Cannabis medicinale: concentrazione dei principali cannabinoidi e loro stabilità valutata mediante cromatografia liquida ad alte prestazioni accoppiata al metodo della spettrometria di massa del tempo di volo a quadrupolo e array di diodi. J. Pharm. Biomed. Anale. 128, 201–209. doi: 10.1016/j.jpba.2016.05.033
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

13. Costa, B., Trovato, AE, Comelli, F., Giagnoni, G., e Colleoni, M. (2007). Il cannabidiolo, costituente non psicoattivo della cannabis, è un agente terapeutico efficace per via orale nel dolore infiammatorio e neuropatico cronico di ratto. Euro. J. Pharm. 556, 75–83. doi: 10.1016/j.ejphar.2006.11.006
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

14. Crescente, G., Piccolella, S., Esposito, A., Scognamiglio, M., Fiorentino, A. e Pacifico, S. (2018). Composizione chimica e proprietà nutraceutiche del seme di canapa: un alimento antico con reale valore funzionale. Fitochim. Apocalisse 17, 733–749. doi: 10.1007/s11101-018-9556-2
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

15. de Meijer, EPM, e Hammond, KM (2005). L'eredità del fenotipo chimico nella Cannabis sativa L. (II): piante a predominanza di cannabigerolo. Euphytica 145, 189–198. doi: 10.1007/s10681-005-1164-8
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

16. Deiana, S. (2017). "Capitolo 99 - Potenziali usi medici del cannabigerolo: una breve panoramica", in Handbook of Cannabis and Related Pathologies, ed. VR Preedy (San Diego, CA: Academic Press), 958–967. doi: 10.1016/B978-0-12-800756-3.00115-0
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

17. Elsohly, MA, e Slade, D. (2005). Costituenti chimici della marijuana: la complessa miscela di cannabinoidi naturali. Scienziato della vita 78, 539–548. doi: 10.1016/j.lfs.2005.09.011
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

18. Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura [FAO]/Organizzazione mondiale della sanità [OMS] (2008). Riassunto intermedio delle conclusioni e raccomandazioni dietetiche sui grassi totali e gli acidi grassi. Ginevra: CHI.
Google Scholar

19. Galasso, I., Russo, R., Mapelli, S., Ponzoni, E., Brambilla, IM, Battelli, G., et al. (2016). Variabilità nei tratti dei semi in una raccolta di genotipi di Cannabis sativa L.. Davanti. Pianta Sci. 7:688. doi: 10.3389/fpls.2016.00688
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

20. Giorgi, A., Panseri, S., Mattare, MS, Andreis, C., Chiesa, LM (2013). Metaboliti secondari e capacità antiossidanti di Waldheimia glabra (Decne.) Regel dal Nepal. J. Sci. Agroalimentare 93, 1026–1034. doi: 10.1002/jsfa.5839
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

21. Gowda, H., Ivanisevic, J., Johnson, CH, Kurczy, ME, Benton, HP, Rinehart, D., et al. (2014). XCMS interattivo online: semplificazione dell'elaborazione avanzata dei dati metabolomici e successive analisi statistiche. Anale. Chimica. 86, 6931–6939. doi: 10.1021/ac500734c
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

22. Guillermo, M.-S. (2016). Riesci a superare la prova dell'acido? Revisione critica e nuove prospettive terapeutiche dell'acido Δ9-tetraidrocannabinolico A. Cannabis Cannabinoid Res. 1, 124–130. doi: 10.1089/can.2016.0008
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

23. Hanuš, LO, Meyer, SM, Muñoz, E., Taglialatela-Scafati, O. e Appendino, G. (2016). Fitocannabinoidi: un inventario critico unificato. Nat. prod. Rep. 33, 1357–1392. doi: 10.1039/C6NP00074F
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

24. Izzo, AA, Borrelli, F., Capasso, R., Di Marzo, V., e Mechoulam, R. (2009). Cannabinoidi vegetali non psicotropi: nuove opportunità terapeutiche da un'erba antica. Tendenze Farmaco. Sci. 30, 515–527. doi: 10.1016/j.tips.2009.07.006
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

25. Jung, J., Meyer, MR, Maurer, HH, Neususs, C., Weinmann, W. e Auwarter, V. (2009). Studi sul metabolismo del precursore del Delta9-tetraidrocannabinolo Acido A delta9-tetraidrocannabinolico (Delta9-THCA-A) nel ratto mediante tecniche LC-MS/MS, LC-QTOF MS e GC-MS. J. Spettro di massa. 44, 1423–1433. doi: 10.1002/jms.1624
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

26. Karler, R., Cely, W. e Turkanis, SA (1973). L'attività anticonvulsivante del cannabidiolo e del cannabinolo. Scienziato della vita 13, 1527–1531. doi: 10.1016/0024-3205(73)90141-0
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

27. Lachenmeier, DW, Kroener, L., Musshoff, F. e Madea, B. (2004). Determinazione dei cannabinoidi nei prodotti alimentari a base di canapa mediante l'uso della microestrazione in fase solida nello spazio di testa e della gascromatografia-spettrometria di massa. Anale. Bioanale. Chimica. 378, 183–189. doi: 10.1007/s00216-003-2268-4
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

28. Lehmann, T., Sager, F. e Brenneisen, R. (1997). Escrezione di cannabinoidi nelle urine dopo l'ingestione di olio di semi di cannabis. J. anale. Tossico. 21, 373–375. doi: 10.1093/jat/21.5.373
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

29. Leizer, C., Ribnicky, D., Poulev, A., Dushenkov, S. e Raskin, I. (2000). La composizione dell'olio di semi di canapa e il suo potenziale come importante fonte di nutrimento. J. Funzione Nutraceutica. Med. Alimenti 2, 35–53. doi: 10.1300/J133v02n04_04
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

30. Ligresti, A., Moriello, AS, Starowicz, K., Matias, I., Pisanti, S., De Petrocellis, L., et al. (2006). Attività antitumorale dei cannabinoidi vegetali con enfasi sull'effetto del cannabidiolo sul carcinoma mammario umano. J. Pharm. esp. Là. 318, 1375–1387. doi: 10.1124/jpet.106.105247
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

31. Mechoulam, R., Parker, LA, e Gallily, R. (2002). Cannabidiolo: una panoramica di alcuni aspetti farmacologici. J.Clin. Farma. 42, 11S–19S. doi: 10.1002/j.1552-4604.2002.tb05998.x
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

32. Morales, P., Hurst, DP e Reggio, PH (2017). Bersagli molecolari dei fitocannabinoidi: un quadro complesso. prog. Chimica. Organo. Nat. prod. 103, 103–131. doi: 10.1007/978-3-319-45541-9_4
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

33. Perrotin-Brunel, H., Buijs, W., Spronsen, JV, Roosmalen, MJEV, Peters, CJ, Verpoorte, R., et al. (2011). Decarbossilazione del Δ9-tetraidrocannabinolo: cinetica e modellistica molecolare. J. Mol. Struttura. 987, 67–73. doi: 10.1016/j.molstruc.2010.11.061
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

34. Pisanti, S., Malfitano, AM, Ciaglia, E., Lamberti, A., Ranieri, R., Cuomo, G., et al. (2017). Cannabidiolo: stato dell'arte e nuove sfide per le applicazioni terapeutiche. Farma. Là. 175, 133–150. doi: 10.1016/j.pharmthera.2017.02.041
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

35. Ross, SA, Mehmedic, Z., Murphy, TP e ElSohly, MA (2000). Analisi GC-MS del contenuto totale di Δ9-thc di semi di cannabis di tipo farmaco e fibra. J. anale. Tossico. 24, 715–717. doi: 10.1093/jat/24.8.715
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

36. Salek, RM, Steinbeck, C., Viant, MR, Goodacre, R. e Dunn, WB (2013). Il ruolo degli standard di segnalazione per l'annotazione e l'identificazione dei metaboliti negli studi metabolomici. GigaScienza 2:13. doi: 10.1186/2047-217x-2-13
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

37. Piccolo, E. (2015). Evoluzione e classificazione della cannabis sativa (marijuana, canapa) in relazione all'utilizzo umano. Bot. Apocalisse 81, 189–294. doi: 10.1007/s12229-015 9157-3
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

38. Struempler, RE, Nelson, G. e Urry, FM (1997). Un test antidroga positivo sui cannabinoidi sul posto di lavoro a seguito dell'ingestione di olio di semi di canapa disponibile in commercio. J. anale. Tossico. 21, 283–285. doi: 10.1093/jat/21.4.283
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

39. Takeda, S., Himeno, T., Kakizoe, K., Okazaki, H., Okada, T., Watanabe, K., et al. (2017). Down-regulation selettiva mediata dall'acido cannabidiolico di c-fos nelle cellule MDA-MB-231 di carcinoma mammario altamente aggressivo: possibile coinvolgimento della sua down-regulation nell'abrogazione dell'aggressività. J. Nat. Med. 71, 286–291. doi: 10.1007/s11418-016-1030-0

Dott.ssa Amanda O'Conner

Referenze

Referenze
1
1. Berman, P., Futoran, K., Lewitus, GM, Mukha, D., Benami, M., Shlomi, T., et al. (2018). Un nuovo approccio ESI-LC/MS per il profilo metabolico completo dei fitocannabinoidi nella cannabis. Sci. Rep. 8:14280. doi: 10.1038/s41598-018-32651-4
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

2. Bolognini, D., Rock, E., Cluny, N., Cascio, M., Limebeer, C., Duncan, M., et al. (2013). L'acido cannabidiolico previene il vomito nel Suncus murinus e il comportamento indotto dalla nausea nei ratti migliorando l'attivazione del recettore 5-HT1A. fr. J. Pharmacol. 168, 1456–1470. doi: 10.1111/bph.12043
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

3. Bosy, TZ e Cole, KA (2000). Consumo e quantificazione del Δ9-tetraidrocannabinolo nei prodotti a base di olio di semi di canapa disponibili in commercio. J. anale. Tossico. 24, 562–566. doi: 10.1093/jat/24.7.562
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

4. Callaway, JC (2004). I semi di canapa come risorsa nutritiva: una panoramica. Euphytica 140, 65–72. doi: 10.1007/s10681-004-4811-6
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

5. Callaway, JC, Weeks, RA, Raymon, LP, Walls, HC e Hearn, WL (1997). Un'analisi delle urine positiva per l'olio di semi di canapa (Cannabis). J. anale. Tossico. 21, 319–320. doi: 10.1093/jat/21.4.319
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

6. Calvi, L., Pentimalli, D., Panseri, S., Giupponi, L., Gelmini, F., Beretta, G., et al. (2018). Valutazione completa della qualità della Cannabis sativa medica L. Infiorescenza e oli macerati a base di HS-SPME accoppiato all'approccio GC–MS e LC-HRMS (q-exactive orbitrap®). J.Phar. Biomed. Anale. 150, 208–219. doi: 10.1016/j.jpba.2017.11.073
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

7. Citti, C., Battisti, UM, Braghiroli, D., Ciccarella, G., Schmid, M., Vandelli, MA, et al. (2018a). Un approccio metabolomico applicato a una cromatografia liquida accoppiata a un metodo di spettrometria di massa tandem ad alta risoluzione (HPLC-ESI-HRMS/MS): verso la valutazione completa della composizione chimica degli estratti medicinali di cannabis. Fitochim. Anale. 29, 144–155. doi: 10.1002/pca.2722
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

8. Citti, C., Braghiroli, D., Vandelli, MA, e Cannazza, G. (2018b). Analisi farmaceutica e biomedica dei cannabinoidi: una revisione critica. J. Pharm. Biomed. Anale. 147, 565–579. doi: 10.1016/j.jpba.2017.06.003
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

9. Citti, C., Pacchetti, B., Vandelli, MA, Forni, F., e Cannazza, G. (2018c). Analisi dei cannabinoidi nell'olio di semi di canapa commerciale e studi sulla cinetica della decarbossilazione dell'acido cannabidiolico (CBDA). J. Pharm. Biomed. Anale. 149, 532–540. doi: 10.1016/j.jpba.2017.11.044
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

10. Citti, C., Palazzoli, F., Licata, M., Vilella, A., Leo, G., Zoli, M., et al. (2018d). Metabolomica non mirata del cervello di ratto dopo somministrazione orale di una singola dose elevata di cannabidiolo. J. Pharm. Biomed. Anale. 161, 1–11. doi: 10.1016/j.jpba.2018.08.021
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

11. Citti, C., Battisti, UM, Ciccarella, G., Maiorano, V., Gigli, G., Abbate, S., et al. (2016a). Enantioseparazione analitica e preparativa e principali proprietà chirottiche dell'Iridium(III) bis(4,6-difluorophenylpyridinato)picolinato. J. Cromatogr. A 1467, 335–346. doi: 10.1016/j.chroma.2016.05.059
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

12. Citti, C., Ciccarella, G., Braghiroli, D., Parenti, C., Vandelli, MA, e Cannazza, G. (2016b). Cannabis medicinale: concentrazione dei principali cannabinoidi e loro stabilità valutata mediante cromatografia liquida ad alte prestazioni accoppiata al metodo della spettrometria di massa del tempo di volo a quadrupolo e array di diodi. J. Pharm. Biomed. Anale. 128, 201–209. doi: 10.1016/j.jpba.2016.05.033
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

13. Costa, B., Trovato, AE, Comelli, F., Giagnoni, G., e Colleoni, M. (2007). Il cannabidiolo, costituente non psicoattivo della cannabis, è un agente terapeutico efficace per via orale nel dolore infiammatorio e neuropatico cronico di ratto. Euro. J. Pharm. 556, 75–83. doi: 10.1016/j.ejphar.2006.11.006
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

14. Crescente, G., Piccolella, S., Esposito, A., Scognamiglio, M., Fiorentino, A. e Pacifico, S. (2018). Composizione chimica e proprietà nutraceutiche del seme di canapa: un alimento antico con reale valore funzionale. Fitochim. Apocalisse 17, 733–749. doi: 10.1007/s11101-018-9556-2
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

15. de Meijer, EPM, e Hammond, KM (2005). L'eredità del fenotipo chimico nella Cannabis sativa L. (II): piante a predominanza di cannabigerolo. Euphytica 145, 189–198. doi: 10.1007/s10681-005-1164-8
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

16. Deiana, S. (2017). "Capitolo 99 - Potenziali usi medici del cannabigerolo: una breve panoramica", in Handbook of Cannabis and Related Pathologies, ed. VR Preedy (San Diego, CA: Academic Press), 958–967. doi: 10.1016/B978-0-12-800756-3.00115-0
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

17. Elsohly, MA, e Slade, D. (2005). Costituenti chimici della marijuana: la complessa miscela di cannabinoidi naturali. Scienziato della vita 78, 539–548. doi: 10.1016/j.lfs.2005.09.011
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

18. Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura [FAO]/Organizzazione mondiale della sanità [OMS] (2008). Riassunto intermedio delle conclusioni e raccomandazioni dietetiche sui grassi totali e gli acidi grassi. Ginevra: CHI.
Google Scholar

19. Galasso, I., Russo, R., Mapelli, S., Ponzoni, E., Brambilla, IM, Battelli, G., et al. (2016). Variabilità nei tratti dei semi in una raccolta di genotipi di Cannabis sativa L.. Davanti. Pianta Sci. 7:688. doi: 10.3389/fpls.2016.00688
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

20. Giorgi, A., Panseri, S., Mattare, MS, Andreis, C., Chiesa, LM (2013). Metaboliti secondari e capacità antiossidanti di Waldheimia glabra (Decne.) Regel dal Nepal. J. Sci. Agroalimentare 93, 1026–1034. doi: 10.1002/jsfa.5839
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

21. Gowda, H., Ivanisevic, J., Johnson, CH, Kurczy, ME, Benton, HP, Rinehart, D., et al. (2014). XCMS interattivo online: semplificazione dell'elaborazione avanzata dei dati metabolomici e successive analisi statistiche. Anale. Chimica. 86, 6931–6939. doi: 10.1021/ac500734c
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

22. Guillermo, M.-S. (2016). Riesci a superare la prova dell'acido? Revisione critica e nuove prospettive terapeutiche dell'acido Δ9-tetraidrocannabinolico A. Cannabis Cannabinoid Res. 1, 124–130. doi: 10.1089/can.2016.0008
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

23. Hanuš, LO, Meyer, SM, Muñoz, E., Taglialatela-Scafati, O. e Appendino, G. (2016). Fitocannabinoidi: un inventario critico unificato. Nat. prod. Rep. 33, 1357–1392. doi: 10.1039/C6NP00074F
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

24. Izzo, AA, Borrelli, F., Capasso, R., Di Marzo, V., e Mechoulam, R. (2009). Cannabinoidi vegetali non psicotropi: nuove opportunità terapeutiche da un'erba antica. Tendenze Farmaco. Sci. 30, 515–527. doi: 10.1016/j.tips.2009.07.006
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

25. Jung, J., Meyer, MR, Maurer, HH, Neususs, C., Weinmann, W. e Auwarter, V. (2009). Studi sul metabolismo del precursore del Delta9-tetraidrocannabinolo Acido A delta9-tetraidrocannabinolico (Delta9-THCA-A) nel ratto mediante tecniche LC-MS/MS, LC-QTOF MS e GC-MS. J. Spettro di massa. 44, 1423–1433. doi: 10.1002/jms.1624
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

26. Karler, R., Cely, W. e Turkanis, SA (1973). L'attività anticonvulsivante del cannabidiolo e del cannabinolo. Scienziato della vita 13, 1527–1531. doi: 10.1016/0024-3205(73)90141-0
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

27. Lachenmeier, DW, Kroener, L., Musshoff, F. e Madea, B. (2004). Determinazione dei cannabinoidi nei prodotti alimentari a base di canapa mediante l'uso della microestrazione in fase solida nello spazio di testa e della gascromatografia-spettrometria di massa. Anale. Bioanale. Chimica. 378, 183–189. doi: 10.1007/s00216-003-2268-4
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

28. Lehmann, T., Sager, F. e Brenneisen, R. (1997). Escrezione di cannabinoidi nelle urine dopo l'ingestione di olio di semi di cannabis. J. anale. Tossico. 21, 373–375. doi: 10.1093/jat/21.5.373
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

29. Leizer, C., Ribnicky, D., Poulev, A., Dushenkov, S. e Raskin, I. (2000). La composizione dell'olio di semi di canapa e il suo potenziale come importante fonte di nutrimento. J. Funzione Nutraceutica. Med. Alimenti 2, 35–53. doi: 10.1300/J133v02n04_04
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

30. Ligresti, A., Moriello, AS, Starowicz, K., Matias, I., Pisanti, S., De Petrocellis, L., et al. (2006). Attività antitumorale dei cannabinoidi vegetali con enfasi sull'effetto del cannabidiolo sul carcinoma mammario umano. J. Pharm. esp. Là. 318, 1375–1387. doi: 10.1124/jpet.106.105247
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

31. Mechoulam, R., Parker, LA, e Gallily, R. (2002). Cannabidiolo: una panoramica di alcuni aspetti farmacologici. J.Clin. Farma. 42, 11S–19S. doi: 10.1002/j.1552-4604.2002.tb05998.x
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

32. Morales, P., Hurst, DP e Reggio, PH (2017). Bersagli molecolari dei fitocannabinoidi: un quadro complesso. prog. Chimica. Organo. Nat. prod. 103, 103–131. doi: 10.1007/978-3-319-45541-9_4
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

33. Perrotin-Brunel, H., Buijs, W., Spronsen, JV, Roosmalen, MJEV, Peters, CJ, Verpoorte, R., et al. (2011). Decarbossilazione del Δ9-tetraidrocannabinolo: cinetica e modellistica molecolare. J. Mol. Struttura. 987, 67–73. doi: 10.1016/j.molstruc.2010.11.061
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

34. Pisanti, S., Malfitano, AM, Ciaglia, E., Lamberti, A., Ranieri, R., Cuomo, G., et al. (2017). Cannabidiolo: stato dell'arte e nuove sfide per le applicazioni terapeutiche. Farma. Là. 175, 133–150. doi: 10.1016/j.pharmthera.2017.02.041
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

35. Ross, SA, Mehmedic, Z., Murphy, TP e ElSohly, MA (2000). Analisi GC-MS del contenuto totale di Δ9-thc di semi di cannabis di tipo farmaco e fibra. J. anale. Tossico. 24, 715–717. doi: 10.1093/jat/24.8.715
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

36. Salek, RM, Steinbeck, C., Viant, MR, Goodacre, R. e Dunn, WB (2013). Il ruolo degli standard di segnalazione per l'annotazione e l'identificazione dei metaboliti negli studi metabolomici. GigaScienza 2:13. doi: 10.1186/2047-217x-2-13
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

37. Piccolo, E. (2015). Evoluzione e classificazione della cannabis sativa (marijuana, canapa) in relazione all'utilizzo umano. Bot. Apocalisse 81, 189–294. doi: 10.1007/s12229-015 9157-3
Testo completo di CrossRef | Google Scholar

38. Struempler, RE, Nelson, G. e Urry, FM (1997). Un test antidroga positivo sui cannabinoidi sul posto di lavoro a seguito dell'ingestione di olio di semi di canapa disponibile in commercio. J. anale. Tossico. 21, 283–285. doi: 10.1093/jat/21.4.283
PubMed Estratto | Testo completo di CrossRef | Google Scholar

39. Takeda, S., Himeno, T., Kakizoe, K., Okazaki, H., Okada, T., Watanabe, K., et al. (2017). Down-regulation selettiva mediata dall'acido cannabidiolico di c-fos nelle cellule MDA-MB-231 di carcinoma mammario altamente aggressivo: possibile coinvolgimento della sua down-regulation nell'abrogazione dell'aggressività. J. Nat. Med. 71, 286–291. doi: 10.1007/s11418-016-1030-0

Lascia un tuo commento